A volte

Non so cosa pensare di quello in cui credo.
Religiosamente parlando, ovviamente.
Cioè si, so in cosa credo: nella determinazione, nel provare e riprovare, nel contare su sè stessi prima che sugli altri (cioè si, contare anche sugli altri, ma mai come alternativa a sè stessi) (se non ce la fai da solo, conta sugli altri ma non sperarci) (se poi ti va bene... olè!).
Quello che non so è in cosa credere religiosamente parlando. Oppure via la religione; non so cosa pensare di ciò in cui credo metafisicamente parlando.
Non voglio addentrarmi troppo nelle solite domande della serie chi o cosa mi abbia portato qui, chi c'è sopra ogni cosa, se la risposta a tutte le domande è 42... Insomma no. Non è questo che cerco.
Io non cerco e basta. Almeno, non per ora.
Però ho come una sensazione, o una credenza... Penso che alla fine ci sarà la verità. Non intesa come pensate. Io penso proprio che alla fine sapremo tutto. Potremmo sapere tutto. Quello che oggi non sappiamo, se siamo stati traditi e da chi, se qualcuno ci abbia mentito, se qualcuno abbia agito realmente in buona fede e noi stronzi non gli abbiamo creduto.
Insomma una sorta di resoconto della serie Hey stronzo vedi che quella volta, quando hai mandato affanculo quello, beh vedi che era vero quello che stava dicendo... erano tutte coincidenze... sei stato tu lo stronzo quella volta. Lo so, lo so, c'erano le coincidenze a farti agire così, ma hai sbagliato tu.
Quella secondo me sarebbe la vera giustizia. Ognuno dovrebbe sapere, alla fine di tutto, quello che c'era da sapere. Nel bene o nel male.

Quello c'è rimasto male, quella volta.

Quello diceva la verità.
Tuo padre non ha fatto quello che credi abbia fatto.
Il tuo compagno di banco, quella volta, non fece la spia. Fu il bidello.
Quel regalo, quello che non ti è piaciuto, beh te l'hanno comprato convinti che ti sarebbe piaciuto.

Cioè la verità dovrebbe venir fuori, per riscattarci di tutte quelle volte in cui abbiamo agito bene e non siamo stati capiti, di quelle volte in cui tutto è caduto nel dimenticatoio e amen a tutto quello che volevamo dire/fare.
Ed idem per i nostri errori.
Capire, finalmente. Tutto. Dalla stronzata alla cosa più seria. Compresi sentimenti nascosti come odio, amore, amarezza, risentimento, ecc. ecc.
Far capire a ciascuno di noi gli errori, il male che siamo stati in grado di procurare, quello ricevuto.
Tutto.
Compresi i retroscena pre e post cazzate-fatte.
Così ci sarebbe il vero riscatto. Ognuno capirebbe davvero quello che ha combinato agli altri. E gli altri capirebbero quello che ci hanno combinato.

Cioè a prescindere da cosa ci sia sopra ogni cosa, che si tratti del Dio come lo intendiamo noi con la barba bianca, vendicativo ma buono, o che ci sia un mondo superiore stile matrix, o che ci sia qualcosa di impensabile e diverso dalla vita come la conosciamo in questo mondo, ecco a prescindere da tutto, comunque dovrebbero darci la possibilità (oppure l'obbligo) di spostarci indietro nel tempo trascorso in vita in punti ben precisi, e mostrarci la verità.

Senti un po'! Ma quella volta lì...?
Ah si si, eccotela. Guarda com'è andata veramente!

Quella sarebbe la vera giustizia.

A volte dovremmo fermarci a pensare un po' a tutte queste cose.


Tag utilizzati: pensieri e parole, religione

Attenzione quando compri la cera per capelli, o la gelatina, in posti come l'Auchan o la Coop, o nei grandi store, magari la confezione all'esterno sembra a posto, poi vai a casa, la apri...

...e dentro c'è una ditata.
Tag utilizzati: consigli, perle di saggezza

Basta solo il cognome

Odio.
Rita.
Dalla Chiesa.

E ho fatto 30

Ora aspetto ottobbre/novembbre 
Tag utilizzati: grandi soddisfazioni, studi

Il fotografo della domenica #56

photos/darkbyte/3893146531/2539/3893146531_0e1169e4b0.jpg
Stefania
La mia mogliettina e la mia ttina moglie

Riflettere a volte fa male

Ogni persona riflette a modo suo. Perchè ognuno di noi è diverso, ha avuto esperienze diverse, ha tempi diversi...
Insomma ognuno fa come può o come gli pare.
Conosco una persona che quando si ferma a riflettere poi non la fermi più, ricordi, allegrie del passato, tristezze, malinconie...
Invece un'altra persona che conosco quando riflette lo fa per un paio di secondi se son cose serie; se invece son cazzate ci passerebbe le serate a parlarne.
Io quando mi fermo a riflettere poi mi si addormentano i piedi.
Tag utilizzati: pensieri e parole, ricordi

Mac OS X Snow Leopard

Aggiornamento del MacBook in corso...
Tag utilizzati: apple, informatica, tecnologia

No Vasco No Vasco io non ci Cisco

Siiiiiiiii sto mettendo mani in un Cisco!!!
Mmazza per tirar su un'interfaccia ethernet ce n'è voluta.
Non tanto per i comandi, quanto per entrare nell'ottica di come funziona un apparato del genere.
Tirata su una porta, tirate su due, posso tirarne su quattro.
E forse forse... ora che inizio a fare esperimenti... (!!!)